Con questo articolo vedremo concretamente come installare OpenWebMail su una macchina Linux. OpenWebMail come si evince dal nome è una webmail Open Source, completamente scritta in Perl e ha molte funzioni utili, non si limita infatti a gestire solo la posta, ma è anche una agenda con tanto di promemoria e un gestore di files. Alla stesura del presente articolo la versione corrente è la 2.53 scaricabile dal sito ufficiale OpenWebMail.
Il procedimento di seguito descritto per l’installazione è stato effettuato su una macchina linux Ubuntu server 7.10 con installazione LAMP (Linux Apache Mysql Php), con altre versioni di linux potrebbe essere necessario installare altre librerie richieste da OpenWebMail che nella Ubuntu sono già presenti, qualora vi trovaste in questa situazione e avete bisogno di aiuto chiedetelo pure tramite i commenti.

Requisiti.
Come accennato nell’introduzione OpenWebMail è stato scritto in PERL, quindi sulla nostra macchina linux dobbiamo installare se non è già presente una versione di Perl, tornando al mio sistema ovvero un Ubuntu server 7.10 con installazione LAMP l’unico pacchetto che ho dovuto aggiungere è stato il perl-suid, il Perl difatti era già presente nel sistema. Per aggiungere il pacchetto perl-suid possiamo dare il comando:
su apt-get install perl-suid

Installazione
Per prima cosa dobbiamo scaricare il pacchetto OpenWebMail, potete scaricarlo da qui. Per scaricarlo uso wget e impartisco il seguente comando:
wget http://openwebmail.org/openwebmail/download/current/openwebmail-current.tar.gz
ora scompattiamo il file openwebmail-current.tar.gz con questo comando:
tar zxvvf openwebmail-current.tar.gz
e ci accorgeremo che il file conteneva due cartelle principali, la cartella cgi-bin e la cartella data. La prima cartella contiene tutti i file perl e le configurazioni del programma, mentre la cartella data contiene le immagini, i bottoni i files per le lingue. Ora per poter far funzionare OpenWebMail dobbiamo spostare queste due cartelle nella giusta locazione, a seconda di come è configurato il vostro server linux, nel caso specifico di una Ubuntu server 7.10 troviamo la cartella per i cgi-bin nella locazione /usr/lib/cgi-bin e la webroot dove deve andare la cartella data nella locazione /var/www. I comandi per copiare le due cartelle nella posizione giusta sono i seguenti:
cp -r cgi-bin /usr/lib
cp -r data /var/www

Ora che disponiamo di tutti i files correttamente posizionati nelle directory passiamo alla configurazione di OpenWebMail.

Configurazione sistema.
Configureremo OpenWebMail in modo da fornire ad ogni utente configurato sulla macchina linux la sua webmail, come già specificato le seguenti configurazioni andranno bene per una Ubuntu server 7.10 per altre distribuzioni i percorsi dei file possono variare. La posta verrà gestita dal sistema linux con il metodo mbox, in realtà la posta dell’utente verrà contenuta in un singolo file che troveremo in /var/mail o /var/spool/mail a seconda del sistema ed il file avrà lo stesso nome dell’utente quindi ad esempio: /var/spool/mail/mario. Successivamente ogni utente poi può aggiungere tutti gli account pop3 che vuole, ma questo lo vedremo dopo con la configurazione webmail utente.
I file di configurazione per far funzionare correttamente openwebmail li troviamo nella directory: /usr/lib/cgi-bin/openwebmail/etc/ qui come potete notare ci sono sia file di configurazione con estensione .conf che sottodirectory, la configurazione principale è contenuta nella sottodirectory default e precisamente nel file openwebmail.conf. Quindi inziamo a configurare OWM modificando il file:
/usr/lib/cgi-bin/openwebmail/etc/default/openwebmail.conf
Dobbiamo modificare i seguenti valori, settandoli in questo modo:
smtpserver out.alice.it
ow_cgidir /usr/local/www/cgi-bin/openwebmail
ow_cgiurl /cgi-bin/openwebmail
ow_htmldir /usr/local/www/data/openwebmail

Non abbiamo fatto altro che indicare ad OWM i correti path per i files, discorso a parte è per il parametro smtpserver, qui va inserito l’smtp server del provider che vi fornisce la connessione ad internet, nel nostro caso Alice l’smtpserver è out.alice.it.

Ora dopo aver modificato il file principale dobbiamo modificare il seguente file:
/usr/lib/cgi-bin/openwebmail/etc/openwebmail.conf
settando i seguenti valori:
ow_cgidir /usr/lib/cgi-bin/openwebmail
ow_cgiurl /cgi-bin/openwebmail
ow_htmldir /var/www/data/openwebmail
ow_htmlurl /data/openwebmail

come prima abbiamo modificato i valori dei path.

Ora passiamo a modificare un altro file ovvero quello che servirà per controllare le credenziali inserite al momento del login. L’autenticazione si basa sugli utenti presenti sulla macchina linux, per fare ciò dobbiamo modificare il seguente file:
/usr/lib/cgi-bin/openwebmail/etc/default/aut_unix.conf
modifichiamo i seguenti valori:
passwdfile_plaintext /etc/passwd
passwdfile_encrypted /etc/shadow

Ultimo file da modificare è il seguente:
/usr/lib/cgi-bin/openwebmail/etc/default/dbm.conf
questo file indica come il sistema dovrà accedere e gestire alla posta, se con dei file .pag o dei file .db, sulla mia macchina è stato necessario settare il file in questo modo:
dbm_ext .pag
ma su altre macchine potrebbe essere necessario settarlo “.db” anzicchè “.pag”. Come facciamo a saperlo? Fortunatamente’è un tool in perl che controlla la nostra configurazione e qualora trovasse dei problemi ci comunicherà le modifiche da apportare.

Lanciamo il comando (da root):
/usr/lib/cgi-bin/openwebmail/openwebmail-tool.pl –init
e se non ci sono problemi di confiturazione saremo pronti per l’ultimo passaggio e poi potremmo accedere ed usare la nostra webmail, diversamentebisogna apportare alla configurazione le modifiche che ci indicherà questo tool.

Adesso non resta che lanciare il seguente comando:
su chmod +s /usr/lib/cgi-bin/openwebmail/ope*.pl
in modo da dare i giusti permessi per poter eseguire i files .pl.

Configurazione webmail utente.
Una volta che il sistema è stato configurato possiamo accedergli tramite il seguente indirizzo:
http://hostoipdelserver/cgi-bin/openwebmail/openwebmail.pl
Ci troveremo di fronte la schermata per il login dove inseriamo user e password. Entrando per la prima volta in un sistema OpenWebMail ci verranno chieste alcune preferenze da settare. Si possono settare le opzioni quali: la lingua, la zona per il fuso orario, la firma di default e altre opzioni. Una volta scelte e confermate entriamo nella parte principale della webmail. Adesso prima di poterla utilizzare dobbiamo configurare gli account di posta altrimenti non ricerevemo null’altro che le sole email del server locale. Per far ciò dobbiamo andare nell’area di configurazione è la seconda icona da destra quella con il simbolo dell’ingranaggio. Troveremo tutte le opzioni di prima e molte altre ancora, qui possiamo definire il formato data, i colori e lo stile dei tasti che più ci piacciono e dopo aver fatto tutto questo dobbiamo cliccare sulla iconcina pop3 la quarta da sinistra. Entriamo in questo sottomenù e qui abbiamo la possibilità di poter configurare tutti gli account pop3 che abbiamo, in modo da ricevere tutta la posta sulla stessa webmail da diversi account. La configurazione e semplice ed intuitiva dobbiamo infatti inserire solo il server (es. pop3.miodominio.com), utente, password e le opzioni di abilitazione account e conserva/cancella posta sul server dopo averla scaricata. Una volta aggiunti tutti gli account pop3 dobbiamo tornare alla scheramta principale e aggiungere i nostri indirizzi di posta, corrispondenti agli account pop3 configurati in precedenza. Dobbiamo cliccare sul simbolo raffigurante una matita che scrive su due lettere, si trova nella quarta riga. Si apre un sottomenù non dobbiamo fare altro che aggiungere il nostro nome e l’indirizzo e-mail dal quale manderemo i messaggi di posta verso altri utenti. Da questo momento la webmail sarà perfettamente funzionante, ci sono ancora una miriade di opzioni tra le quali: creare altre cartelle per contenere specifici messaggi, creare regole di posta che smistano i messaggi in base a criteri scelti dall’utente nelle cartelle desiderate, aggiungere indirizzi e contatti nella rubrica, settare gli appuntamenti nel calendario per organizzarci le giornate e gli incontri e tanto altro ancora.

Conclusione.
In questo articolo abbiamo installato e reso funzionante OpenWebMail su un server linux, nei prossimi articoli vedremo come si utilizzano le tante funzioni che questo sistema ha e vedremo anche come configurare filtri antivirus e antispam per avere così un ottimo ed efficiente sistema di posta per casa o per l’azienda.

Installare OpenWebMail, una webmail Open in perl
Tag: